sabato 1 novembre 2014

Man Booker Prize 2014: vince Richard Flanagan con “The Narrow Road to the Deep North”

A pochi giorni di distanza dall’annuncio del Nobel per la letteratura 2014 assegnato a Patrick Modiano, la splendida cornice della Guildhall di Londra ha ospitato la consegna del Man Booker Prize 2014, premio celebrativo della narrativa anglosassone giunto ormai alla sua quarantaseiesima edizione. A trionfare è stato Richard Flanagan, scrittore tasmano molto prolifico – ha scritto 18 opere a partire dagli anni novanta, tra narrativa e saggistica – che ha saputo sbaragliare la concorrenza dei favoriti Howard Jacobson, Ali Smith e Neel Mukherjee con il suo romanzo intimo pubblicato dopo ben dodici anni e cinque bozze. L’idea del libro è nata dalle vicende che hanno coinvolto il padre dell’autore, sopravvissuto ai lavori forzati di costruzione della così detta “Ferrovia della Morte” in Birmania, alla quale lavorarono prigionieri di guerra tra il 1943 e il 1947. Flanagan ci tiene a sottolineare che la vicenda narrata nel suo romanzo è una finzione letteraria che cerca di trattare realisticamente gli orrori della vita di prigionia, «la viscosità del fango, il tanfo di putrefazione di un’ulcera aperta nel caldo tropicale, il sapore del riso a colazione».
Il titolo del romanzo deriva da una poesia del grande poeta giapponese Basho e si riferisce al modo in cui le guardie giapponesi consideravano i prigionieri, «solo materiale da utilizzare per la costruzione della ferrovia, come assi di legno, rotaie in acciaio e chiodi di ferro».
Nonostante le tematiche forti, il romanzo racchiude in sé un messaggio di speranza, evidente negli atti di generosità inaspettata tra i prigionieri, che cercano di sostentarsi a vicenda con quel poco che gli viene concesso da mangiare, e da un’intensa storia d’amore che fa da cardine centrale all’intera narrazione. Flanagan sostiene di essersi ispirato, per quest’ultima, al racconto condiviso con lui da un uomo lettore che abitava vicino ai suoi genitori e che, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, aveva perlustrato l'Europa alla ricerca di sua moglie, data per morta. Dopo anni di estenuanti ricerche, si era arreso trasferendosi in Tasmania ma, in un viaggio a Sidney, aveva visto una donna che somigliava alla sua amata, mano nella mano con due bambini, ma non aveva osato accertarsi che fosse davvero la moglie.
Flanagan è il terzo australiano a vincere il Man Booker Prize dopo Peter Carey e Thomas Keneally. 
«Per me è un grande onore seguendo le orme di Tom Keneally e Peter Carey, il più grande scrittore australiano. Mi ricordo di quando vinse, il significato della sua vittoria in Australia e come ha contribuito a cambiare la sensibilità nei confronti del nostro lavoro, della nostra letteratura, della nostra cultura, di noi stessi».


The Narrow Road to the Deep North, Richard Flanagan (Chatto & Windus)
La storia di Richard Flanagan – che ha come protagonista Dorrigo Evans, un medico australiano turbato dalla relazione con la moglie di suo zio – ci porta dalle grotte dei cacciatori della Tasmania nel primo Novecento ad un fatiscente hotel sulla spiaggia durante la Prima guerra mondiale, da una prigione nella giungla thailandese ad una festa della neve in Giappone, dalla forca Changi a un incontro casuale di amanti sul Sydney Harbour Bridge.
Prendendo il titolo dal diario di viaggio del XVII secolo del poeta haiku Basho, The Narrow Road To The Deep North racconta l'impossibilità dell'amore.


Richard Flanagan
Nato in Tasmania nel 1961, è uno dei romanzieri più importanti d'Australia. I suoi romanzi, Death of a River Guide, The Sound of One Hand Clapping, Gould's Book of Fish (vincitore del Commonwealth Writers’ Prize), The Unknown Terrorist e Wanting hanno ricevuto numerosi riconoscimenti e sono stati pubblicati in 26 paesi. Suo padre, morto il giorno in cui Flanagan ha finito di scrivere The Narrow Road To The Deep North, sopravvisse ai lavori forzati della Ferrovia della Morte in Birmania.
Le edizioni italiane delle opere di Flanagan sono pubblicate da Frassinelli. Ad oggi sono stati tradotti i seguenti romanzi: La vita sommersa di Gould, Solo per desiderio, La donna sbagliata, Il suono della neve che cade e Gli ultimi minuti di una guida fluviale. 


2 commenti:

  1. Non ho ancora letto nulla di Flanagan, ma questo romanzo sembra particolarmente interessante. Speriamo arrivi anche qua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è quello che ha attirato la mia attenzione, rispetto agli altri candidati, proprio per la particolarità del tema.

      Elimina

Grazie per aver condiviso la tua opinione!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...